Bye bye Mamma: Vado a vivere da sola!

Come avevo promesso nell’articolo precedente, mi impegnerò a scrivere con più costanza e dedizione. L’estate è finita e bisogna tornare al lavoro.

Come potete capire dal titolo oggi si parlerà di COINQUILINI, STANZE DISORDINE, ANSIA, case libri auto viaggi fogli di giornali e tanto altro. A quasi 22 anni, con una laurea triennale quasi (si spera) in mano, e tanta voglia di incominciare la mia vita, è arrivato il momento di iniziare a guardarmi attorno per trovare un posticino tutto mio. Il luogo prescelto è sicuramente Milano, la mia vita futura – dall’università, al lavoro e senza dimenticare il fidanzato – sarà concentrata tutta in questa magica città. Milano è bellissima, è piena di vita, di giovani, di ristorantini carini e di posti a me sconosciuti ma ha un grande grosso enorme difetto: COSTA TROPPO!

Ho dato un’occhiata al prezzo medio delle stanze e si aggira intorno ai 500 euro mensili  per una stanza singola, piccola e bruttina (a Bergamo con un budget simile puoi tranquillamente prendere un appartamento piccolo ed accogliente). Comunque sia io non demordo, ho un sogno e lo voglio portare a termine.

tumblr_oiicq0g4tk1qjzvcco1_r1_500

Condividere un appartamento con ragazzi della mia età (o meglio ancora amici) è sempre stata una cosa che mi incuriosiva molto, trovo che sia un’esperienza di crescita e di divertimento. Personalmente preferisco le ragazze (nonostante i miei amici siano prevalentemente tutti di sesso maschile), sono più ordinate (escludendo la sottoscritta ovviamente), cucinano più o meno bene, sanno fare le pulizie, si divertono a fare shopping e a mangiare gelato davanti alla tv e poi possono sempre prestarti i vestiti!

Cinque cose belle dell’avere dei coinquilini: 

Di solito i coinquilini vantano una pessima reputazione e non è difficile capire il perché: c’è quello con un discutibile concetto di pulizia che lascia i piatti incrostati nel lavello per giorni, quello che familiarizza con le formiche e non sente alcun bisogno di pulire il pavimento se non a scadenze semestrali o quella che organizza festini mentre voi tentate disperatamente di concentrarvi per il prossimo esame.

Eppure studi statistici dimostrano che un buon 80% degli studenti ritiene indispensabile avere un compagno con cui dividere l’appartamento e condividere l’esperienza di vivere lontani dalle comodità della casa dei genitori. Ecco i miei 5 motivi per cui avere un coinquilino non è poi così drammatico ma anzi, addirittura auspicabile!

 

  • avere un doppio di tutto: scarpe, vestiti, libri, cd, cibo. Se avete la fortuna di avere gli stessi gusti/taglia della vostra compagna di stanza/appartamento sarà come avere un negozio di abbigliamento sempre a portata di mano. In caso contrario saprete a chi chiedere se volete leggere un libro nuovo ma non avete il tempo di passare in libreria.
  • mangiare cibi spazzatura, piatti strani, patatine, gelati e molto altro senza essere giudicati (perché l’altro farà lo stesso)
  • avere un secondo parere sul outfit, su quel esame che è proprio un casino, sulla vita sentimentale o sul tempo
  • ubriacarsi con alcool povero ed esserne felici
  • Le spese sono divise: l’aspetto economico non è da sottovalutare: bollette, spesa, occorrente per la pulizia della casa, tutto sarà diviso equamente con il vostro coinquilino e con il risparmio potrete eccedere in shopping e junk food!

 

Per quanto riguarda l’arredamento della mia stanza,  preferirei tanto tanto bianco, un letto semi grande, lucine di natale, tantissimi cuscini, piante verdi, coperta pelosa sul letto e tante fotografie qua e là. Un’altra cosa di cui mi sono innamorata guardando i film americani, sono gli appendi abiti su ruote, perfetti sia come pezzo di arredo che per la loro utilità.

 

Finisce qui questo mio articolo/diario. Aspetto vostre notizie, esperienze e consigli per sopravvivere il primo anno fuori casa.

A preso, A.

Annunci

19 thoughts on “Bye bye Mamma: Vado a vivere da sola!

Add yours

  1. Io ho vissuto per 3 anni con delle coinquiline, all’inizio è stato bello, ma l’ultimo anno le cose sono cambiate ed era diventato insopportabile… dipende tutto da come si sceglie di approcciarsi 🙂 buona fortuna!

    Liked by 1 persona

  2. Ho vissuto tanti anni con i “coinquilini” e il mio sogno era vivere in un monolocale tutta sola! E’ rimasto un sogno… Però è un’esperienza bellissima, perché quando ti senti sola basta bussare alla porta della tua coinquilina con una bottiglia di vino o un dolce e tutto si risolve!
    P.S.:Noi con 500 euro a Catania viviamo in un trivani con giardino…
    Samanta

    Liked by 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: